martedì 28 agosto 2012

In my bookshelf #14

Oh, senza che me ne accorgessi è già giunta l'ora di una nuova puntata di In my bookshelf, la rubrica che riguarda tutti i miei acquisti e prestiti libreschi. Come passa il tempo quando si ha da fare, eh? E nel mio caso dovevo solo smaltire i libri presenti sul mio comodino che, per inciso, è lo sgabellino Mammut di Ikea.
Dunque, questo mese ho comprato:

Titolo: Io sono Carlotte Simmons
Autore: Tom Wolfe
Prezzo: 11,50 €
Editore: Mondadori
Pagine:  784

Trama
Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata nella prestigiosa Dupont University dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, non solo accademico, ma anche razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente quindi più che lusingata quando scopre di essere stata adottata dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Titolo: I pirati dell'oceano rosso
Autore: Scott Lynch
Prezzo: fuori catalogo
Editore: Nord
Pagine:  710

Trama
Non hanno più denaro, hanno perduto i loro amici e rischiato di morire, ma i Bastardi Galantuomini non sono sconfitti, sono anzi più uniti che mai. Così Jean Tannen e Locke Lamora, fuggiti dall'amata Camorr, vanno là dove li porta l'irresistibile richiamo del denaro e cioè nella città di Tal Verrar, al centro della quale sorge la più grande, la più ricca e la più sorvegliata casa da gioco dello Stato. Leggenda vuole che ci abbiano provato in molti, a entrare nel suo caveau, e che nessuno ne sia mai uscito vivo. Ma proprio quando Locke e Jean si apprestano a sfatare la leggenda, un sinistro personaggio appare come per magia e, senza troppe cerimonie, li recluta come spie per assicurare alla giustizia i pirati del famigerato Zamira Drakasha. Davvero un incarico ideale per quei due, che non distinguono la poppa dalla prua e si trovano sbalzati in mezzo ad abbordaggi e a duelli a fil di spada nonché costretti a trasformarsi in lupi di mare.

Titolo: La storia dell'amore
Autore: Nicole Krauss
Prezzo: 12 €
Editore: Guanda
Pagine: 308

Trama
 Leo Gursky fa del suo meglio per sopravvivere; vive alla giornata, emarginato in una città enorme come New York, legge i libri del figlio, che è un famoso scrittore ma che non lo conosce, e ogni sera batte alcuni colpi sui tubi della caldaia di casa, per fare sapere al suo vicino che è ancora vivo. Ma la sua vita non è sempre stata così. Quando ancora era giovane, ebreo nella Polonia degli anni Trenta in cui era nato, Leo Gursky si era follemente innamorato di Alma e aveva scritto un libro in yiddish, "La storia dell'amore", racconto di quel suo impossibile sentimento. E Leo non sa che, nonostante le fughe e le persecuzioni subite dai suoi protagonisti, quel libro esiste ancora... Nicole Krauss è nata nel 1974 a New York, dove vive, da una famiglia ebraica.

Titolo: Lettera a Berlino
Autore: Ian McEwan
Prezzo: 10,50 €
Editore: Einaudi
Pagine: 260


Trama
Nell'inverno del '55 Berlino è ancora devastata nel corpo e nel cuore. È il tempo della guerra fredda, il tempo delle spie. Nella vita di Leonard Marnharm, il giovane tecnico inglese protagonista di questo romanzo, il "tunnel di Berlino" rappresenterà il luogo, reale e metaforico, di un viaggio apparentemente senza fine negli abissi dell'esistenza. L'amore di Leonard per la tedesca Maria ha dapprima un sapore dolcissimo, ma c'è ancora nell'aria come un morbo latente di violenza, di disfacimento, che a poco a poco invade i pensieri, i gesti, le azioni quotidiane. Nel momento cruciale della sua esistenza, Leonard appare sopraffatto da una forza e da un orrore che lo trascendono.

E poi ho il piacere di presentarvi il libro di una giovane autrice che ha deciso di autopubblicarsi (e che sto già leggendo):


Titolo: d.flies
Autore: Diletta Fabiani
Prezzo: 0,93 €(disponibile su Amazon o sul suo blog)
Editore: Amazon
Pagine: 195


Trama
Le cose non sono più state le stesse da quando June è morto. Il gruppo si è sciolto ed Airon si è ritirato nella sua casa in riva al mare, a condurre una vita fatta di giornate vuote e notti ripetitive. Finchè una sera non incontra in un locale Ken Taira, un giovane cantante che gira il mondo con la sua chitarra. Chi è? Perché assomiglia così tanto a June? E che cambiamenti può portare questo incontro nella vita di Airon?

E voi cosa avete comprato durante queste vacanze?

10 commenti:

  1. Gianni Diaz Ciarlo28 agosto 2012 17:48

    Leggerei per prima la Krause

    RispondiElimina
  2. Gianni Diaz Ciarlo28 agosto 2012 18:02

    Leggerei per prima la Krause (ho un debole per gli ebrei,Nu!),poi passerei al Mc Iwan,gli altri 3 non so se li leggerei,sembrano delle discrete gigiate (aggettivo del mio paese che forse però si capisce).Sono un lettore Adelphi con tutti i suoi pregiudizi.Un libro dell'editrice Nord non l'ho mai neanche palpeggiato.Ma seguendo qs. blog capiterà.Stasera vado in biblio a prendere il tuo Tyler.Per ragioni di spazio e povertà non compro mai.Saluti a tutti i caballeros frequentatori di qs. blog e a Nereia che lo presiede,la Regina dell'Editrice Nord.Il buffone di corte Gianni Diaz Ciarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Nord pubblica soprattutto libri fantasy e urban fantasy, a chi non piace il genere non la consiglierei come casa editrice. Per cui, mio caro buffone di corte, te lo dico subito: se il fantasy non è il tuo genere lascia proprio perdere. :) Detto tra noi, tra le altre cose, spesso presenta delle traduzioni "bruttine".

      Elimina
  3. Lettera a Berlino l'ho letto recentemente e merita, la Krauss è là nella pila di tbr che mi aspetta, poverina, ma è in buona compagnia. Anch'io per problemi di spazio e soldi ormai compro pochissimo, per fortuna che ci sono gli scambi, il nostro amato bc, le biblioteche e, se mi prende la smania di comprare, i mercatini del'usato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I mercatini dell'usato sono la mia salvezza e, insieme, la mia maledizione. Non ho molto spazio a casa ormai, però quando trovo un libro a 2 euro non riesco a resistere e lo compro comunque xD

      Elimina
  4. Sai che mi è aumentata la salivazione alla vista de 'I pirati'? xD
    Il primo mi ispira, l'ultimo mi sconcerta un po'... forse sono troppo pignola, ma i nomi mi sembrano davvero poco credibili ò_ò
    (Io ho appena finito 'Rebecca, la prima moglie', che mi era stato tanto raccomandato da Stargirl *__* ed era fantastico...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, è difficile valutare d.files perché è un'autopubblicazione e quindi ha tutti i "difetti" (chiamiamoli così) del caso. La trama, in verità, è ben strutturata e credo che non sia ambientato in Italia, sebbene non mi pare venga specificato. Ci sono delle imprecisioni nella scrittura, come è ovvio che sia non avendo subìto alcun trattamento da parte di un editor. Sono a più di metà e farne una recensione la vedo davvero dura.

      Elimina
    2. Eh... e si ripresenta l'eterna questione: l'auto-pubblicato va recensito come fosse edito da una casa editrice o si va di attenuanti? Che poi in questo caso il prezzo è davvero contenuto, quindi il 'per quel che si fa pagare poteva almeno farsi dare una revisionata da un professionista' viene meno, però... non so. Cioè, se io mi auto-pubblicassi mi farebbe rabbia vedere i criteri dei recensori che s'abbassano a prescindere, per quanto a mio beneficio ò_ò mah. Mah. Mah.
      ... prima di sproloquiare oltre vado decisamente a nanna >_>' notte.

      Elimina
  5. mi venderesti i pirati dell'oceano rosso???

    RispondiElimina